Isfoa premia Tano Simonato, lo chef stellato cultore dell’olio

0

Gaetano Simonato, master chef dal 2008 insignito della Stella Guida Michelin e fondatore del ‘ristorante boutique’ di soli 24 coperti ‘Tano Passami l’Olio’, sarà tra i 25 privilegiati prescelti del prestigioso Premio Internazionale Isfoa alla Carriera XVIesima Edizione Anno 2020 che si svolgerà a Milano in autunno.

Gaetano Simonato inizia la carriera di chef dopo aver lavorato come barman per quasi 17 anni. Da sempre interessato al mondo culinario, con una mamma cuoca, coltiva la propria passione continuando a studiare. Nel 1995 apre a Milano il ristorante ‘Tano Passami l’Olio’: ristorante intimo, con 24 coperti, in cui le parole d’ordine sono ospitalità, affidabilità e qualità. Esso trae il nome dalla convinzione che l’olio sia il miglior condimento possibile, l’essenza della cucina tanto che, Tano, ne fa uso dal 1991. L’amore per l’extravergine – sono oltre 50 le marche di olio evo che troneggiano nella bacheca del suo ristorante – è tale da dedicare a questo ingrediente il nome del suo locale oltre che a renderlo protagonista della sua cucina.

Nel 2008 ottiene il tanto ambito riconoscimento della Guida Michelin per la sua cucina creativa, di ricerca con note mediterranee; ama modificare i piatti della tradizione per renderli più adatti al suo pensiero culinario: leggerezza, digeribilità e freschezza. Vuole valorizzare gli ingredienti e, per questo motivo, le cotture sono fatte separatamente per far risaltare il sapore di ciascun alimento che viene poi esaltato da un filo d’olio a crudo che dà garanzie di fragranza e di incontaminazione dei prodotti.

L’uso del burro è quasi bandito se non per mantecare pochissimi piatti a freddo, il soffritto (di cipolla, aglio, scalogno e affini) lo trova superfluo e superato; per dare corpo e sapori trova non necessario appesantire con troppa struttura di tali ingredienti ma cerca di conservare il più possibile l’integrità dei prodotti scelti, la panna non è neanche presa in considerazione.

Il locale è in sintonia con lo stile della cucina: soft, caldo e moderato, una buona accoglienza da parte della moglie Nadia, da una brava collaboratrice e da Tano stesso mettono subito a proprio agio gli ospiti, che poco dopo credono di essere a casa propria. La carta vini comprende oltre 350 etichette ma cercate con cura e con buon rapporto qualità prezzo.

La bacheca di sala degli oli ne contiene diversi, tutti dell’annata in corso e spesso non sono gli stessi dell’anno precedente perché purtroppo alcuni non riescono a mantenerne la qualità, troppo soggetti al cambiamento climatico.

Premio Internazionale alla Carriera – Il Premio Internazionale Isfoa alla Carriera è tra i più ambiti, selettivi, prestigiosi ed esclusivi riconoscimenti nazionali, teso a valorizzare le affermate e apprezzate eccellenze italiane attive nel settore culturale, industriale, accademico, istituzionale e professionale, esso è conferito annualmente a soli 25 candidati individuati dopo la rigorosa selezione attuata dalla preposta Commissione Esaminatrice in virtù della brillante carriera professionale, aziendale, istituzionale, accademica e del determinante apporto dato alla crescita del sistema economico e delle organizzazioni per le quali si è operato unitamente al profuso ed indefesso impegno nel sociale.

Il Premio Internazionale Isfoa alla Carriera, nato da una intuizione del magnifico rettore di Isfoa (Libera e privata università di diritto internazionale) Stefano Masullo, fu inaugurato nel maggio 2004 con una cerimonia trasmessa in prima serata dalla televisione nazionale ungherese ed avvenuta all’interno dell’Istituto Italiano di Cultura di Budapest, alla presenza di oltre 250 ospiti, del Ministro per gli Italiani nel Mondo, Mirko Tremaglia, dell‘Ambasciatore d’Italia in Ungheria, con il saluto ufficiale del Segretario Generale della Presidenza della Repubblica. Istituzionalmente fu patrocinato dalle Province di Milano e Lecce, dal Ministero Infrastrutture e Trasporti, dal Ministero Affari Esteri, da ICE-Istituto Commercio Estero, da Ministero per gli Italiani all’Estero, da ANC-Associazione Nazionale Carabinieri, da AIDDA Associazione Imprenditrici e Donne Dirigenti di Azienda, da Comune di Milano, Regione Lombardia, CCIIAA di Bari. Nel corso della serata di gala inaugurale della prima edizione fu annunciato dal magnifico rettore Isfoa Stefano Masullo il saluto istituzionale di Carlo Azeglio Ciampi, Presidente della Repubblica Italiana, portato da Paolo Guido Spinelli, ambasciatore della Repubblica Italiana in Ungheria.

Il Premio Internazionale Isfoa alla Carriera ha come scopo: internalizzazione delle aziende italiane nel mondo; sviluppo della cooperazione multinazionale; valorizzazione delle PMI; affermazione dell’immagine del marchio e dello stile italiano nel mondo; salvaguardia e riqualificazione del Made in Italy attraverso supporti e contenuti culturali che contrastino il dumping cinese; consolidamento delle responsabilità sociali, etiche e morali nelle attività produttive e professionali.

Fonte testo e immagini: ISFOA – Libera e Privata Università di Diritto Internazionale

Condividi.

Lascia un commento